laltratunisia.it

In Tunisia, dei laboratori nelle scuole di moda per una moda eco – responsabile

Il movimento mondiale Fashion Revolution, che si batte per un’industria della moda che valorizzi le persone, l’ambiente, la creatività e il profitto in egual misura, esiste anche in Tunisia, dall'aprile 2015. Obiettivo : un’azione pedagogica attorno ai valori di moda durevole per i ragazzi dagli 8 ai 15 anni.

582
2 minuti

COMUNICATO STAMPA

28 Luglio 2021

L’associazione Izem sviluppa dei laboratori pedagogici sul tema della moda eco – responsabile che permette agli studenti delle scuole di moda in Tunisia di integrare la circolarità nel cuore delle loro attività scolastiche. Ci auguriamo di dare il via a una rete internazionale, sempre più crescente, di istituzioni e di individui che promuovano la ricerca, la conservazione e la protezione della biodiversità per migliorare il benessere umano nei settori dell’educazione (insegnanti e studenti) e professionale (agricoltori, produttori, fabbriche tessili).

« L’industria degli abiti contribuisce in maniera significativa alla perdita della biodiversità. Le catene di rifornimento dei vestiti sono legate direttamente al deterioramento dei terreni, alla trasformazione degli ecosistemi naturali e all’inquinamento dei corsi d’acqua » riferiscono. Dal 31 marzo al 30 giugno 2021, a Esmod Tunis & Sousse (Esmod è stata fondata a Parigi nel 1841 ; il gruppo Esmod International è una rete di 19 scuole in 13 diversi Pasi, tra cui Tunisia, Francia, Turchia, Giappone, Russia) gli insegnanti di moda Ines Jaouadi, Abir Bejaoui e gli insegnanti di modellismo Ines Kacem, Houda Jomni, Leila Chaouch e Latifa Annabi hanno guidato gli studenti del primo e secondo anno ponendo l’obiettivo di realizzare il progetto di un « vestito riciclato» utilizzando degli scarti di tessuti nuovi in Denim, tagli residui provenienti dal laboratorio di fabbricazione Sitex.

Sitex dal 1973 è un’impresa integrata che si compone di due fabbriche : un’unità per la filatura a Sousse e un’unità per la tintura, tessitura e finitura e Ksar Hellal. In Tunisia è uno dei leader mondiali nella fabbricazione del tessuto Denim (Jeans) e sportivo e degli abiti usati (friperie); gli studenti hanno beneficiato di questi ultimi sviluppando diversi temi culturali e tenendo conto il preservamento della biodiversità in Tunisia. I partner Izem, Esmod (Tunis & Sousse), Fashion Revolution (Inghilterra), Fashion Revolution Tunisia, Sitex (Società industriale tessile), Onagri (Osservatorio Nazionale dell’Agricoltura), Ftdes (Forum Tunisino per i Diritti Economici e Sociali) e Iresa (Istituto della Ricerca e dell’Insegnamento Superiore Agricolo) hanno accompagnato e incoraggiato gli studenti del primo e secondo anno e i loro professori di Esmod (Tunis & Sousse) nella buona riuscita di questo progetto di moda circolare.

Traduzione dal francese di Giada Frana

© Riproduzione riservata

Gli abiti realizzati dagli studenti di moda per il progetto "Un vestito riciclato"

Casella dei commenti di Facebook

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accettare Leggi di più