laltratunisia.it

Tunisia: guerra ai profili che propagano notizie false

411
< 1 minuto

Il ministero della Giustizia, dell’Interno e delle Tecnologie e della Comunicazione hanno affermato, in un comunicato congiunto, reso pubblico mercoledì 23 agosto, che: “delle azioni legali sono state attuate per rivelare l’identità dei proprietari, degli utilizzatori delle pagine, dei profili e dei gruppi sui social network che sfruttano queste piattaforme per produrre, promuovere, diffondere, trasmettere o preparare delle notizie false, dichiarazioni, voci, informazioni fuorvianti con lo scopo di diffamare, denigrare, attaccare i diritti altrui, di violare la sicurezza pubblica e l’ordine sociale, così come danni all’interesse dello Stato tunisino e di danneggiare i suoi simboli”.

I tre ministeri avvertono che “qualsiasi persona che contribuirà o parteciperà alla diffusione dei contenuti di un sito o di una pagina oggetto di indagini giudiziarie o penali, all’interno o all’estero del territorio tunisino, sarà perseguibile per legge”.

Gli elenchi delle pagine e dei gruppi on line perseguiti saranno regolarmente pubblicati sui siti ufficiali. In serata, gli stessi ministri sono stati convocati a Cartagine per discutere di criminalità informatica. Il presidente della Repubblica ha affermato che bisogna mettere fine alle derive sui social network. 

© Riproduzione riservata


INSERT_STEADY_CHECKOUT_HERE

Casella dei commenti di Facebook

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accettare Leggi di più

Translate »