laltratunisia.it

La Tunisia e i suoi animali

Come la fauna locale può aiutarci a capire la lingua e la cultura popolare

669
3 minuti

Essendo la Tunisia ancora molto rurale, gli “animali7aiwanet sono parte integrante della cultura popolare e spesso anche in città incontriamo animali che sono tipici della campagna, come “il gallo sarduk,la pecora na3ja e “l’asino” bihim. Come dappertutto le razze autoctone convivono con quelle importate. Per quelle che sono considerate originarie della Tunisia, ma anche per oggetti o cibo fatto a mano e secondo la tradizione, si usa l’aggettivo 3arbiarabo” . Avremo quindi baqra 3arbi mucca araba” che è marrone chiaro senza chiazze, djej 3arbi il pollo arabo”, il kelb 3arbi cane arabo”, smilzo, dagli occhi grandi e il pelo beige o nero, che ha la fama di essere un buon cane da caccia ma anche 5awwefpauroso”. Un razza canina originaria della Tunisia e del Maghreb in generale, è il levriero arabo, anche detto Sloughi.

Uno degli animali che si incontrano più spesso in città è proprio il “caneel kelb. Alcune zone infatti pullulano di kleb saybacani randagi” che si aggirano specialmente nei giardini e nei mercati e che, purtroppo, a volte vengono soppressi dagli accalappiacani del comune. Il cane, poco amato per motivi religiosi, è il protagonista di alcuni degli insulti più gravi e celebri usati dai tunisini quando sono proprio arrabbiati. Nelle liti o nelle risse è normale sentire chiamare kelb! la persona che li ha fatti arrabbiare o ancora peggio, “figlio/a di un caneweld/bent elkelb. Esiste anche l’espressione kelb suq cane del mercato” che indica un brutto ceffo che vive di espedienti. Il cane, come in italiano, è usato anche per veicolare l’idea di una condizione di disagio : 7altu ki elkelbil suo stato è come quello del cane” significa che una persona è ridotta male, sporca o disperata. Dovete inoltre sapere che quando il cane “abbaia yenba7, non fa “bau bau” ma hab hab!

Un gatto randagio tunisino - photo credits Kyra Ferrari Fitouri

Nonostante sempre più tunisini scelgano la compagnia del cane, forse l’animale da compagnia più amato è “il gattoel qattus, tanto che il termine qattusa gatta” viene usato dagli uomini per parlare di una ragazza bella. In tunisino si usa il verbo “allevare/educare” sia per i bambini che per gli animali, rabba yrabbi : rabbit barcha qtates fi hayeti ho allevato molti gatti nella mia vita”. Anche molti “gattiqtates vivono in strada, in questo caso si chiamano qtates esh-shera3gatti di strada” e talvolta vengono scacciati facendo il suono kess!. Poi c’è il gatto domestico, qattus eddargatto di casa”. La superstizione legata al gatto nero esiste anche in Tunisia, per cui se il vostro gatto fa dei cuccioli potrebbe essere più difficile darli in adozione. C’è anche un simpatico modo di dire legato al gatto : qattus fi chkara un gatto in un sacco” che indica un fatto di cui non si conoscono i dettagli, dal quale non sappiamo cosa aspettarci (qui potete comprare la nostra maglietta con questo modo di dire).

Un altro animale non particolarmente amato è il “gufo buma che nei posti di montagna si pensa faccia ammalare i bambini fissandoli. Sarà per questo che si dice wejh elbouma? Questa espressione significa “viso di gufo” ed è riferita ad una persona che porta sfortuna. Se ci pensate bene è lo stesso principio per cui noi diciamo non gufare! Restando in tema volatili, un po’ ovunque in Tunisia potrete vedere ed-djejil pollo” che ha il femminile in -a : djeja è la “gallina” mentre il “pulcino” è il fallous. Sul pollo esiste un’espressione divertentissima che indica il fatto di essere molto arrabbiati : ydur biya eddjej el ak7al “ il pollo nero gira intorno a me”.

Photo by Renè Müller on Unsplash

Il cammelloej-jmel si incontra spesso soprattutto al sud o sulle spiagge, dove viene utilizzato per portare a spasso i turisti. Molti visitano una località che si chiama 3ong ejjmelcollo di cammello” e che si trova nel governatorato di Tozeur. I cammelli si vedono in città anche legati vicino alle macellerie. Infatti la sua carne è considerata un piatto prelibato per molti tunisini. In Tunisia si dice che il cammello abbia due caratteristiche, la pazienza es-sabr “e el-ghadra la slealtà” ed è anche un animale che ricorda bene i torti subiti e quindi si dice yetfakker ki ejjmel si ricorda come il cammello”.

E voi? Ricordate nomi di altri animali?

© Riproduzione riservata

Immagine di Gemma Baccini. La foto sullo sfondo dell'immagine è stata presa da qui https://www.planetware.com/tourist-attractions-/tunis-tun-tc-t.htm

Sostieni il nostro lavoro, basta un click!

INSERT_STEADY_CHECKOUT_HERE

Casella dei commenti di Facebook

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accettare Leggi di più