laltratunisia.it

Tunisia: al via il 29 settembre Matabbia, la manifestazione culturale sui Siciliani di Tunisia

738
2 minuti

COMUNICATO STAMPADopo il grande successo dello scorso anno a Marsala, torna questa volta a Tunisi, “Mattabbia”, evento culturale multidisciplinare che vedrà riuniti esperti e artisti attorno al tema dei Siciliani di Tunisia, con un focus particolare su stampa, architettura e arte.

Il termine “Matabbia”, si riferisce ad una espressione in uso nella lingua tunisina e passata nella parlata dei siciliani di Tunisia con una leggera variazione, il cui significato corrisponde a “magari“, ed è stato scelto come titolo a testimonianza della profondità dei rapporti e delle contaminazioni culturali fra le due sponde del Canale di Sicilia.

“Matabbia. Siciliani di Tunisia”, si svolgerà, dal 29 settembre al primo ottobre, in diversi luoghi della capitale nordafricana fra cui la Biblioteca Nazionale tunisina e Beit El Hikma, (Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti), con un programma articolato su tre assi fondamentali: la stampa, in particolare attraverso le testimonianze del giornale dialettale umoristico e letterario “U Simpaticuni”, pubblicato a Tunisi tra il 1911 e il 1933, l’architettura e l’arte, in particolare la pittura dei siciliani di Tunisia. Obiettivo, far luce su una vicenda storica poco conosciuta sia in Tunisia che in Italia, e relativa all’enorme ondata migratoria degli italiani (in particolare siciliani) verso la Tunisia, avvenuta fra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento.

Tra le personalità annunciate si segnalano Mahmoud Ben Romdhane, Presidente dell’Accademia Tunisina di Scienze, Lettere ed Arti; Fabrizio Saggio, Ambasciatore d’Italia a Tunisi; Fabio Ruggirello, Direttore Istituto italiano di Cultura di Tunisi; Khaled Kchir, Direttore della Biblioteca Nazionale di Tunisi; Alessandro Masi, storico dell’arte e segretario generale della Società Dante Alighieri di Roma e Silvia Finzi, Presidente Dante Alighieri, Comitato di Tunisi, A.m.i.t .

Sul tema dell’architettura italiana in Tunisia sarà anche allestita una mostra fotografica a cura di Luca Quattrocchi (Università di Siena), e sarà proiettato in anteprima un documentario del noto regista tunisino Habib Mestiri.  Fra i relatori previsti nelle tre giornate, oltre a Quattrocchi, anche Leila Ammar (Ecole nationale d’Architecture et d’Urbanisme de Tunis), Ahmed Somai (decano degli italianisti tunisini), la scrittrice Marinette Pendola, Iride Valenti (Università di Catania), Salvatore Speziale (Università di Messina).

La sede del Comitato Dante Alighieri di Tunisi ospiterà inoltre una tavola rotonda curata da Alfonso Campisi (Università La Manouba) e dedicata alle storie personali e familiari dei siciliani di Tunisia e dei tunisini nati in Sicilia, una video proiezione sul tema curata da Francesco Tranchida (Banca Marsalese della Memoria) e un concerto di musica tunisina a cura di Bin’art.

All’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi la conclusione domenica 1 ottobre con una mostra di Silvano Monteleone, pittore siciliano di Tunisia e la messa in scena dello spettacolo teatrale “Ciclopu” dell’attore Gaspare Balsamo, un “cunto” liberamente ispirato al libro IX del più antico dei racconti mediterranei, l’Odissea, con riferimenti alle storie di Giufà, protagonista delle antiche fiabe popolari siciliane e tunisine.

© Riproduzione riservata


INSERT_STEADY_CHECKOUT_HERE

Casella dei commenti di Facebook

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accettare Leggi di più

Translate »